Nuovo esame CILS A2 solo orale! Cosa c’è da sapere

Gli stranieri che affrontano la certificazione CILS integrazione in Italia saranno sorpresi da questa novità: la pandemia ha trasformato l’esame da completo a solo orale. Vediamo cosa cambia!

La certificazione A2 CILS integrazione in Italia è tra le preferite dagli stranieri per la sua completezza e difficoltà in linea con il livello A2. Perché uno straniero deve affrontare la prova di livello A2? Dopo vari rinnovi del proprio permesso di soggiorno è possibile ottenere il desiderato permesso senza scadenza o carta di soggiorno illimitata.

C’è però un piccolo tassello mancante: una certificazione che attesti la conoscenza della lingua italiana al livello A2. la certificazione CILS integrazione in Italia è nata esattamente per questo motivo e oggi, causa pandemia, ha subito profonde modifiche.

Il quaderno di esame è stato infatti sostituito con un colloquio orale diviso in 3 parti.

Cosa deve fare esattamente un candidato alla certificazione CILS A2 integrazione in Italia solo orale?
Vediamolo insieme!

  1. Breve prova di presentazione personale. Il candidato risponderà a domande del tipo : come ti chiami? Dove abiti? Di dove sei? Lavori o studi? eccetera. La prova durerà 3 – 4 minuti.
  2. Prova di soluzione problemi concreti. Il somministratore e il candidato inizieranno un role-play, un teatro, dove ognuno ha la sua parte. Esempio: ti rechi all’ufficio anagrafe per comunicare il tuo cambio di residenza. Il somministratore assumerà il ruolo dell’impiegato dell’ufficio. Dovrai parlare 3 – 4 minuti.
  3. Monologo. Il candidato dovrà parlare principalmente da solo su un tema proposto ad esempio: parla di un dolce tipico del tuo Paese.

Alla fine delle tre prove il somministratore chiuderà il file e lo invierà in Università per la verifica. I risultati arriveranno circa 45 giorni dopo la prova di esame.

Guarda il video su questo tema!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *