Certificazione lingua italiana: quale scegliere?

Studiare la lingua italiana è una cosa bellissima! Studiare la lingua italiana per ottenere una certificazione é una cosa intelligente che vi ripagherà degli sforzi.

Ma quale certificazione è adatta a noi? Abbiamo molti “nomi” tra cui scegliere: CILS, CELI, PLIDA, DELI ecc. Sono tutte uguali? Ci sono differnze?

Certificazione lingua italiana per stranieri:le differenze

E’ importante capire che non tutte le certificazioni sono rilasciate da enti pubblici statali (Le Università) ma alcune sono rilascate da organizzazioni di diritto privato come la Dante Alighieri.

Scegliere un certificato universitario (CILS, CELI, DELI) ci darà la sicurezza che questo certificato sarà non solo riconosciuto in Italia ma in tutto il mondo, perlomeno in tutti i Paesi che riconoscono l’Italia come Paese e le uinversità italiane come enti di diritto pubblico. Al contrario il certificato PLIDA, seppur riconosciuto dai vari ministeri italiani e utilizzabile, in Italia, al 100 % come gli altri certificati, essendo il prodotto di un’associazione privata non é garantito il suo riconoscimento in tutto il mondo. Anche nei depliant informativi PLIDA infatti si informa i vari enti italiani che riconoscono il Plida (Ministero dell’interno, Mninstero della pubblica istruzione ecc) ma non vi é riferimento ad enti esteri.

Certificato CILS

certificazione di italiano come lingua straniera e rilasciato da università di siena

Certificato CELI

Universita’ per Stranieri di Perugia

Certificato Plida

Dante Alighieri

 

Tutti i vari certificati sono strutturati in modo da recepire le direttive del consiglio d’Europa sulle lingue e propongono l’esame suddiviso in diverse abilità che devono essere superate dallo studente:

  1. Ascolto
  2. Lettura
  3. produzione scritta
  4.  produzione orale
  5. analisi (livelli C)

Le certificazioni possono essere fatte in Italia e all’estero nelle Università, Ambasciate e scuole private che, per le loro caratteristiche di eccellenza, hanno firmato un protocollo di accordo con le varie università.

 

Guarda il video! (Ci scusiamo per il rumore di fondo! )

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *