Domanda di cittadinanza bocciata e restituzione 250 euro

Che fare se la vostra domanda di cittadinanza italiana è stata respinta? E’ possibile richiedere indietro la cifra una tantum di 250 euro? Vediamolo insieme!

Ottenere la cittadinanza italiana è, per uno straniero, l’ultimo passo dell’integrazione nel nostro Paese. Ci sono dei requisiti particolari per chiederla sia per matrimonio sia per residenza. E’ fondamentale rivolgersi solo a professionisti di questo settore onde evitare di fare errori e vedere la propria istanza rigettata dall’Autorità.

Quanto si deve pagare per inoltrare domanda di cittadinanza?

Fino al decreto 113, entrato in vigore in Ottobre 2018, la quota chiesta a ogni straniero era fissata in 200 euro. Una tassa una tantum chiesta all’inizio del processo. Con il decreto questo contributo economico è stato innalzato a 250. Chi ha pagato la somma prima di Ottobre 2018 è costretto a fare un’integrazione di 50 euro da mostrare con apposita ricevuta di pagamento.

Che succede se la pratica di cittadinanza, dopo anni di attesa, viene bocciata in quanto si ritiene che il soggetto non soddisfi i requisiti imposti dalla legge?

E’ possibile avere indietro il pagamento? 

Ebbene no. Il pagamento è considerato un rimborso per l’istruttoria che gli uffici pubblici dovranno fare per raccogliere, inviare, controllare i documenti e comunicarne gli esiti al candidato. Se avete pagato 250 euro per iniziare le pratiche di ottenimento della cittadinanza italiana dovete sapere che questi non saranno rimborsati né in caso di esito positivo né in caso di esito negativo.

E’ possibile chiedere un rimborso parziale della tassa pagata?

Nemmeno. Una volta incassati i soldi dal Ministero questi non verranno rimborsati in alcun modo. E’ una sorta di assicurazione per le situazioni, tante a dir la verità, di persone che si candidano lo stesso pur non avendo i requisiti.

 

E’ fondamentale, onde evitare questi errori,  rivolgersi solo a professionisti con lunga esperienza. Ti serve una consulenza ? Scrivimi a [email protected] !

Guarda il video su questo tema!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *